E-commerce Electric Bike: esplosione nelle vendite post-COVID #EtApres

Non ci sono commenti

Siamo stati incaricati dal marchio Electric Bikes Vélobecane di aiutarli a sviluppare le loro vendite e visibilità online attraverso una duplice missione di netlinking e SXO . Un prerequisito per migliorare la loro reputazione elettronica per il loro trasferimento di fascia alta negli ultimi due anni.

La forza di questo sito non è nel seo in loco o fuori sede, ma nelle dinamiche di vendita estremamente popolari . Una vera risorsa in SEO!

# E poi, la bici elettrica è il cambiamento!

Si può anche notare, come illustrato dalla traduzione dell'articolo seguente, che il mercato è più che ricettivo a questo prodotto nel periodo post COVID.

"Se tutti tornassero alla macchina, sarebbe un incubo", ha detto Jean-Louis Missika, vicesindaco di Parigi. "Il nostro sogno segreto è che il temporaneo diventi permanente."

Risultati rapidi grazie al collegamento in rete pertinente

Possiamo osservare qui la correlazione tra la potenza del sito e la visibilità

Qui, visualizziamo l'evoluzione concreta delle posizioni sulle parole chiave centrali.

Le città si trasformano mentre le vendite di e-bike salgono alle stelle

Non si tratta di tornare in una città dominata dalle auto dopo il contenimento della pandemia
Di Thomas Ricker e Andrew J. Hawkins , 14 maggio 2020, 10:14 EDT

Le città di tutto il mondo affrontano la stessa domanda: come riaprire in sicurezza nell'era di COVID-19. I sistemi di trasporto pubblico in luoghi come New York, Londra e Parigi in genere trasportano milioni di persone al lavoro e ai negozi ogni giorno, per un totale di circa 1,5 miliardi di viaggi all'anno. Oggi nessuno vuole essere in una metropolitana affollata e rischiare l'esposizione al virus se può evitarlo. Ma se tutti salteranno in macchina, il traffico si fermerà, i veicoli di emergenza saranno bloccati e i progressi compiuti da molte città nella riduzione delle emissioni di carbonio durante i periodi di chiusura saranno annullati. Questo è il motivo per cui gli urbanisti e gli abitanti delle città considerano l'umile bicicletta il loro mezzo di trasporto.

La bicicletta è il mezzo di trasporto perfetto per uscire dalle città di quarantena, il che è tanto più interessante con l'avvicinarsi dell'estate negli Stati Uniti e in Europa. Sono veloci, comodi, convenienti e ti permettono di allontanarti socialmente mentre sei attivo. In combinazione con un motore elettrico, le e-bike possono rendere i lunghi viaggi un'esperienza rilassante e senza sudore. Stanno anche aiutando a mantenere i notevoli miglioramenti della qualità dell'aria osservati nelle città di tutto il mondo da quando sono iniziati i blocchi del coronavirus.

In alcune città degli Stati Uniti, le strade a più corsie e i parcheggi possono occupare il 50-60% dello spazio immobiliare. Oltre a privare i residenti di parchi e altri spazi aperti, ciò rende quasi impossibile l'allontanamento sociale sui marciapiedi affollati. Quale momento migliore per ripensare ai modelli di trasporto e recuperare lo spazio assegnato ai veicoli che emettono CO2 da un'epoca passata?

Se non ora quando ?

Adesso è il momento perfetto per acquistare una e-bike

Inizialmente, alcune aziende hanno visto diminuire le vendite di biciclette tradizionali ed e-bike poiché la catena di fornitura globale è stata interrotta da ordini di chiusura e negozi di biciclette sono stati costretti a chiudere. Ma oggi, le vendite stanno esplodendo a livello globale, con molti acquirenti che optano per le e-bike per la prima volta.

In Germania, ad esempio, le vendite sono diminuite del 20-30% nelle prime settimane di aprile a causa della chiusura dei negozi di biciclette. Ma ora che hanno riaperto, i negozi di biciclette stanno segnalando un improvviso aumento delle vendite, dice bike-eu, con le e-bike che superano le biciclette normali, con le persone che passano dall'acquisto solo per il tempo libero all'uso quotidiano.

Lo stesso è accaduto negli Stati Uniti, ha affermato Ryan Citron, analista di ricerca senior di Guidehouse. "Le vendite di e-bike sono state duramente colpite per la prima volta durante le chiusure poiché molti negozi al dettaglio sono stati chiusi", ha detto Citron in una e-mail a The Verge. "Tuttavia, dalla riapertura dei negozi di biciclette, le vendite sono cresciute rapidamente". Se i negozi possono rimanere aperti, Citron si aspetta che le vendite di e-bike rimangano in linea con le previsioni precedenti o le superino leggermente entro la fine dell'anno "poiché i consumatori cercano più opzioni di mobilità, trasporto personale e remoto nell'era di COVID".

Matt Powell, consulente industriale senior per il gruppo NPD, ha dichiarato a The Verge che le vendite al dettaglio di e-bike negli Stati Uniti nel primo trimestre del 2019 sono aumentate del 90% rispetto all'anno precedente.

Alcune delle più famose aziende di e-bike affermano che queste tendenze si riflettono nei loro ricavi di vendita.

Brompton, il produttore londinese di iconiche biciclette pieghevoli, ha visto le vendite online nel Regno Unito, sia tramite rivenditori autorizzati che tramite Brompton.com, crescere rapidamente - cinque volte di più rispetto al mese precedente - anche se le vendite globali sono crollate nel corso degli ultimi due mesi rispetto all'anno precedente. Nelle ultime tre settimane, tuttavia, l'azienda ha registrato vendite record in Cina grazie all'abolizione delle restrizioni di viaggio. Il traffico verso il sito web di Brompton ha raggiunto livelli record, soprattutto negli Stati Uniti, dove l'azienda ha registrato un "boom incredibile", secondo una dichiarazione inviata a The Verge.

La società britannica Gocycle ha visto aumentare le sue vendite nonostante l'interruzione della sua rete di negozi. Le vendite della sua bicicletta elettronica Gocycle GX a piegatura rapida sono aumentate del 65% nelle ultime sei settimane rispetto allo stesso periodo del 2019, ha detto la società a The Verge, il traffico sul suo sito web gocycle .com è aumentato del 90%. L'azienda attribuisce questa crescita al cambiamento delle abitudini dei pendolari in risposta alla pandemia.

“COVID sta spingendo in avanti la curva di adozione delle biciclette elettriche.

"I pendolari intelligenti stanno investendo a lungo termine e stanno optando per le e-bike", ha affermato il fondatore di Gocycle Richard Thorpe. “Abbiamo visto le vendite della nostra gamma Gocycle GX che si ripiega rapidamente nelle ultime settimane, letteralmente a un ritmo 4 volte maggiore nelle aree urbane rispetto a questo periodo dell'anno scorso. COVID spinge in avanti la curva di adozione ”.

Il produttore olandese di e-bike VanMoof vende biciclette online e nei propri negozi, aggirando del tutto i negozi di biciclette tradizionali. Dice che le vendite da febbraio ad aprile sono aumentate notevolmente rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Le vendite sono aumentate in tutti i suoi principali mercati, in particolare in Germania (+ 226%), Regno Unito (+ 184%), Paesi Bassi (+ 140%), Stati Uniti (+ 138%) e Francia (+ 92%) . Questo aumento è dovuto, almeno in parte, agli sconti concessi prima del lancio delle e-bike S3 e X3 ad aprile.

Il rivenditore di biciclette statunitense Lectric eBikes ha annunciato un aumento delle vendite del 140% dal 15 marzo. "I nostri clienti ci dicono che le e-bike sono un'ottima opzione per il nuovo stile di vita dell'era del coronavirus", ha detto a Electrek il co-fondatore Levi Conlow. "Il drammatico aumento delle vendite mostra che a livello nazionale le persone stanno cercando di cambiare il modo in cui viaggiano".

Rad Power Bikes, con sede a Seattle, ha dichiarato che le vendite di aprile sono aumentate del 297% rispetto all'anno precedente, superando di gran lunga le aspettative dell'azienda. Anche le vendite dell'azienda ai clienti professionali nel settore delle consegne sono aumentate del 191% da marzo ad aprile di quest'anno, ha detto un portavoce.

Aventon Bikes, con sede in Ontario, California, afferma di essere inondata di ordini, con vendite in aumento in Massachusetts (+ 298%), California (+ 85%) e New York (+ 164%). "Siamo più impegnati che mai, letteralmente battendo ordini giornalieri e record di vendita", ha detto in una e-mail Adele Nasr, chief marketing officer di Aventon.

A livello globale, Google rileva un picco nella ricerca della "migliore bici elettrica" dal 22 marzo, meno di due settimane dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato il nuovo coronavirus una pandemia. Nello stesso periodo sempre più persone hanno iniziato a cercare la “bici migliore”.

Un afflusso di nuove biciclette richiederà infrastrutture per mantenere i ciclisti al sicuro. Non succederà dall'oggi al domani, ma anche città a misura di bicicletta come Amsterdam, dove circa la metà di tutti i viaggi vengono effettuati in bicicletta, dovevano iniziare da qualche parte.

Il Regno Unito sta guidando la trasformazione impegnando centinaia di milioni di sterline per rendere le città più a misura di bicicletta spingendo il pubblico a evitare i trasporti pubblici. Un fondo di emergenza di 250 milioni di sterline (circa 300 milioni di dollari) è stato prelevato da un pacchetto di biciclette e pedoni da 2 miliardi di sterline per creare nuove piste ciclabili e raccordi più sicuri “in pochi minuti. Settimane”. Alle città è già stato chiesto di riallocare lo spazio stradale "per un numero significativamente più alto di ciclisti e pedoni". Gli scooter elettrici sono attualmente illegali nel Regno Unito, ma i test vengono accelerati dal prossimo anno al prossimo mese per poter cambiare la situazione.

Il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps afferma che i modi di trasporto alternativi avranno vantaggi a breve e lungo termine molto tempo dopo che la pandemia si sarà placata:

Durante questa crisi, milioni di persone hanno scoperto il ciclismo, sia per l'esercizio fisico che come mezzo di trasporto sicuro e socialmente remoto. Anche se il messaggio di “restare a casa” rimane immutato oggi, quando il Paese tornerà a lavorare, abbiamo bisogno che queste persone rimangano sulle loro bici e si uniscano a molte altre persone.

Altrimenti, con la capacità di trasporto pubblico attualmente gravemente limitata, i nostri treni e autobus potrebbero essere sovraffollati e le nostre strade bloccate, ritardando i servizi di emergenza, i lavoratori essenziali e le scorte salvavita.

Sappiamo che le automobili continueranno a svolgere un ruolo vitale per molti, ma guardando al futuro, dobbiamo costruire un paese migliore con abitudini di viaggio più ecologiche, aria più pulita e comunità più sane.

♀ Sono così entusiasta di vedere la nuova pista ciclabile entrare in Park Lane ieri sera.

♀ In collaborazione con i consigli comunali, stiamo creando rapidamente nuove piste ciclabili e spazi per i pedoni in tutta la città. #StreetspaceLDN pic.twitter.com/Nd1oAQKJzV
- Sadiq Khan (@SadiqKhan) 14 maggio 2020
La scorsa settimana, il sindaco di Londra, Sadiq Khan e Transport for London (TfL) hanno lanciato il programma "Streetspace" che trasformerà le strade di Londra per aumentare il numero di ciclisti e quintuplicare il numero di pedoni, grazie all'allentamento delle restrizioni di blocco . La maggior parte del lavoro è temporaneo ma potrebbe diventare permanente, secondo TfL.

Altre città europee hanno lanciato iniziative simili. Milano, una delle città più inquinate d'Europa, prevede di convertire 35 km di strade in spazi per ciclisti e pedoni durante l'estate, quando le restrizioni del COVID-19 saranno revocate. Il piano urbano include piste ciclabili temporanee, marciapiedi nuovi e più larghi, limiti di velocità inferiori a 30 km / he strade in cui ciclisti e pedoni hanno la priorità sulle auto.

“Lavoriamo da anni per ridurre l'uso dell'auto. Se tutti guidano una macchina, non c'è posto per le persone, non c'è posto per muoversi, non c'è posto per attività commerciali fuori dai negozi ”, ha detto nei commenti riportati da The Guardian il vicesindaco di Milano Marco Granelli. "Certo, vogliamo riaprire l'economia, ma pensiamo che dovremmo farlo su una base diversa rispetto a prima".

La Francia vedrà la realizzazione di oltre 1000 km di piste ciclabili temporanee nelle prossime settimane! Anche nelle zone rurali! @jen_keesmaat @RobinMazumder https://t.co/5Ypn5sHAj3
- Tudor ALEXIS (@ tudoralexis1) 10 maggio 2020
La Francia sta installando piste ciclabili temporanee nelle città di tutto il paese. Parigi prevede di aprire 400 miglia di piste ciclabili e trasformare il suo più grande incrocio cittadino in un'autostrada riservata alle biciclette. Il sindaco Anne Hidalgo, che ha difeso la causa dei ciclisti molto prima della pandemia, ha detto che l'idea di Parigi di tornare in una città dominata dalle auto era "fuori questione".

"Dico in tutta fermezza che è fuori questione che ci lasciamo invadere dalle auto e dall'inquinamento", ha detto Hidalgo, secondo CityLab. “Questo non farà che peggiorare la crisi sanitaria. L'inquinamento è di per sé una crisi sanitaria e un pericolo in sé e l'inquinamento associato ai coronavirus è un cocktail particolarmente pericoloso. E 'quindi fuori discussione pensare che arrivare nel cuore della città in macchina sia una soluzione qualunque, quando di fatto potrebbe peggiorare la situazione ”.

Installazione di una pista ciclabile temporanea a Bruxelles

Si nota la velocità con cui vengono disegnati e delimitati ... impressionante! Pic.twitter.com/XaNwnuTDgg
- Mathieu Chassignet (@M_Chassignet) 24 aprile 2020
Bruxelles, la capitale de facto dell'Unione europea, aggiunge circa 40 km di piste ciclabili. “Sappiamo che due terzi dei viaggi effettuati a Bruxelles sono inferiori a tre miglia. Vogliamo quindi incoraggiare le persone sane a camminare o andare in bicicletta ”, ha detto al quotidiano belga Le Soir il ministro dei Trasporti Elke Van den Brandt. "E per questo, è nostra responsabilità avere infrastrutture sicure".

Negli Stati Uniti, un certo numero di grandi città ha sviluppato piani per chiudere le strade al traffico veicolare per fornire uno spazio sicuro per camminare e andare in bicicletta a distanza sociale. E alcuni vanno anche oltre rendendoli permanenti.

Seattle ha recentemente annunciato che chiuderà definitivamente 30 km di strade alla maggior parte dei veicoli. "[Le strade pedonali] sono uno strumento importante per le famiglie dei nostri quartieri per uscire, fare esercizio e godersi il bel tempo", ha detto in una nota il sindaco di Seattle Jenny Durkan. “A lungo termine, queste strade diventeranno beni preziosi nei nostri quartieri”.

"A lungo termine, queste strade diventeranno risorse preziose nei nostri quartieri".

Ad aprile, Oakland ha dichiarato che avrebbe iniziato a calpestare gradualmente le strade, con l'obiettivo di chiudere 74 miglia alla maggior parte dei veicoli, ovvero circa il 10% del paesaggio urbano. Denver ha designato 13 miglia di strade aperte, mentre Minneapolis ha riservato 18 miglia a pedoni e ciclisti. Boston prevede di utilizzare lo spazio stradale per piste ciclabili, marciapiedi più ampi e linee di autobus più veloci.

New York, che ha visto un drastico calo del traffico automobilistico, questa settimana ha aperto 12 miglia di strade pedonali e aggiunto 9 miglia di piste ciclabili protette. Questo è in aggiunta alle nove miglia di strade che sono state chiuse alle auto dall'inizio di maggio. Il sindaco di New York Bill de Blasio, spesso criticato per l'utilizzo di un SUV cittadino, ha affermato che il suo obiettivo è raggiungere un totale di 100 miglia di strade aperte.

New York ha recentemente legalizzato le e-bike, che è stato un vantaggio per i lavoratori immigrati che consegnano cibo e fanno molto affidamento sulle e-bike per lavoro. La città di New York deve ancora definire uno schema normativo per i veicoli appena legalizzati, ma i produttori di e-bike si aspettano che le vendite in città aumentino alle stelle per gli abitanti delle città alla ricerca di modi rapidi per spostarsi senza utilizzare i mezzi pubblici o i veicoli in carpooling.

Secondo dati recenti, il ciclismo negli Stati Uniti è già esploso da quando è entrato in vigore il divieto. L'Eco-Counter, che raccoglie dati sulle biciclette, indica che il numero di biciclette è aumentato del 5% in Nord America rispetto al normale. In diverse parti degli Stati Uniti, l'aumento supera il 100% solo nei fine settimana.

Durante questo periodo, il traffico automobilistico è diminuito e l'aria diventa più facile da respirare. Secondo i dati federali, il numero di miglia percorse dai veicoli su tutte le strade e strade negli Stati Uniti è diminuito di quasi il 19% a marzo rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Come sottolinea il ricercatore di trasporti Yonah Freemark, a marzo si tratta di 50,6 miliardi di miglia di veicoli in meno rispetto alla linea di base. E con un risparmio medio di carburante di 22,3 mpg negli Stati Uniti, si tratta di circa 45 miliardi di libbre di CO2 non emessa, secondo Freemark.

È una trasformazione notevole, ma tutto potrebbe essere annullato se le città non sono audaci nel modo in cui reimmaginano le loro strade.

Amsterdam non è sempre stata una città ciclistica di livello mondiale. All'inizio degli anni '70, le auto dominavano le strade. Ci sono voluti anni di feroce attivismo e politici illuminati, liberati dai desideri degli interessi automobilistici radicati, perché la città si rendesse conto che l'auto non era il futuro del trasporto urbano.

Oggi le biciclette permeano la cultura, rendendole olandesi come scarpe di legno e tulipani. Tutti, dai bambini agli anziani, godono della libertà e della sicurezza che derivano dalle piste ciclabili protette e dal sottoprodotto dell'aria priva di smog. Sì, Amsterdam è piatta, il che la rende ideale per andare in bicicletta. Ma le e-bike possono appiattire una collina di San Francisco, proprio come gli ordini casalinghi possono appiattire una curva di infezione.

Purtroppo, molte delle misure di trasporto dell'era COVID-19 che le città hanno messo in atto sono timidamente, spesso sotto l'apparenza di un cambiamento temporaneo, presumendo, forse, che il mondo tornerà rapidamente alla vita normale dopo la revoca delle misure di immobilizzazione. I lettori di Verge sanno, tuttavia, che questo è un pio desiderio.

O forse è una politica subdola, che facilita l'integrazione degli abitanti in una nuova realtà del trasporto urbano.

 

Specialista in growthacking ed e-commerce, approfitterai della nostra esperienza per sviluppare i tuoi contatti e il tuo fatturato in tempi record!

    SEOCAmp Parigi 2020
    Case study sul ciclo di Black Hat

    Come autofinanziare la tua startup con un netlinking aggressivo? o la storia del lancio di una piattaforma che senza branding, senza social network, senza partner (marketing) e senza note legali ... ha generato 100.000 € con poche pagine web , buon marketing e buon SEO!

    Ritorno sull'investimento

    Sapevi che la referenziazione di Google è il pilastro centrale della tua comunicazione? Indubbiamente la leva più redditizia attorno alla quale dovrebbero ruotare le tue azioni pubblicitarie a pagamento.

    Preventivo gratuito

    Offriamo servizi SEO professionali che aiutano i siti web ad aumentare notevolmente il loro punteggio di ricerca per competere con le classifiche più alte anche quando si tratta di parole chiave altamente competitive.

    Articoli recenti

    Ricevi un consiglio gratuito alla settimana

    Le nostre ultime novità

    Visualizza tutte le pubblicazioni
    Non ci sono commenti